Vittoria Colonna, “donna nata fra le vittorie”. I sonetti

Scrivo sol per sfogar l’interna doglia,
ch’al cor mandar le luci al mondo sole;
e non per giunger luce al mio bel Sole,
al chiaro spirto, all’onorata spoglia.
Giusta cagione a lamentar m’invoglia,
ch’io scemi la sua gloria assai mi dole;
per altra lingua, e più saggie parole,
convien ch’a Morte il gran nome si toglia.
La pura fè, l’ardor, l’intensa pena
mi scusi appo ciascun, che ‘l grave pianto
è tal, che tempo, né ragion l’affrena.
Amaro lagrimar, non dolce canto,
foschi sospiri, e non voce serena,
di stil no, ma di duol mi danno il vanto.

Sonetto I, XVI secolo

16 commenti su “Vittoria Colonna, “donna nata fra le vittorie”. I sonetti

  1. Già in queste pagine disperse parlai d’uno, (che io bambina conobbi vecchio ossuto e minuto, per poco, lustro d’abito nero domenicale, camicia senza collo a fitte righe azzurre sul bianco, mani forti di contadino, viso cesellato dal tempo e da una vita all’aperto sui campi), domenicale esternatore di storie paesane, improvvisate spontaneamente all’istante in endecasillabi rimati.

    Senza studi, analfabeta, i suoi versi, epici declinati in pubblico, facevano ricco uditorio incantato, e il vento… unico depositario.

    Se fosse stato un signore, in termini di ceto, li avrebbe scritti, influenzati da letture e frequentazioni che non ebbe e, forse, ancora oggi apprezzati.

    Come io sorpresa, le volte che l’udii… e forse ora appiccicare coi miei pizzini.

    "Mi piace"

  2. Che bello questo sonetto. Tu l’hai postato rendendomi felice . Io ti regalo questo sperando di far felice te. Baci. Isabella

    ” Quante più fuggo e odio ognor me stesso,
    tanto a te, donna, con verace speme
    ricorro; e manco teme
    l’alma di me, quant’a te son più presso.
    A quel che ‘l ciel promesso
    m’ha nel tuo volto aspiro
    e ne’ begli occhi, pien d’ogni salute:
    e ben m’accorgo spesso,
    in quel c’ogni altri miro,
    che gli occhi senza ‘l cor non han virtute.
    Luci già mai vedute!
    né da vederle è men che ‘l gran desio;
    ché ‘l veder raro è prossimo a l’oblio.”

    Michelangelo Buonarroti

    Piace a 1 persona

    • Grazie Isabella. Si, mi hai fatto veramente felice. Il componimento è meraviglioso, nonché senza tempo. E grazie per tutti i commenti che hai postato sulle poetesse del XVI secolo. Sempre gentile. Un bacio. Marco

      Piace a 1 persona

      • Buon pomeriggio caro Marco. Sono contenta che tu abbia gradito. Lo sai che ti ammiro molto. Un grande abbraccio e buon week end. Isabella

        "Mi piace"

      • Cara Isabella, questa volta è toccato a me arrossire, dopo aver letto le tue parole. Sei sempre dolce e gentile. Buon fine settimana anche a te. Un abbraccio. Marco

        Piace a 1 persona

  3. Pingback: Vittoria Colonna, “donna nata fra le vittorie”. I sonetti — VOCI DAI BORGHI – Revolver Boots

    • È veri grandi donne e grandi poetesse. Purtroppo la critica letteraria dei secoli scorsi, con un atteggiamento decisamente sessista e pregiudizi alquanto meschini, si è spesso “dimenticata” di loro, cercando di offuscare grandi pagine di vera poesia. Comunque, io le adoro. Ciao

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: