Categoria: Sara Copio Sullam

Sara Copio Sulla. La voce del ghetto di Venezia seicentesca. I sonetti XI, XII, XIII, XIV

XI. Quel desìo di saper ch’in cor gentile Sovente alberga ad ingannevol luce Mi trasse; indi seguendo infido duce Tardi di cor vilan scorgei lo stile. Fummi il costui disagio qual focile Ch’ogn’or colpiami il cor; ma chi m0induce A dir quali esche ardesse,… Continue Reading “Sara Copio Sulla. La voce del ghetto di Venezia seicentesca. I sonetti XI, XII, XIII, XIV”

Sara Copio Sulla. La voce del ghetto di Venezia seicentesca. I sonetti. VII, VIII, IX, X

VII. Ben so che la beltà ch’al mondo piace È fior caduco e di superbia abonda; Ma de la spoglia fral che mi circonda, Qual si sia, stima in me l’alma non face. Per più nobil desìo mio cor si sface, Baldassare, ond’ardita e… Continue Reading “Sara Copio Sulla. La voce del ghetto di Venezia seicentesca. I sonetti. VII, VIII, IX, X”

Sara Copio Sulla. La Voce del ghetto di Venezia seicentesca. I sonetti. VI

Con la tua scorta, ecco, Signor, m’accingo A la difesa, ove m’oltraggia e sgrida Guerrier, che ardisce querelar d’infida L’alma che, tua mercé, di fede i’ cingo. Entro senz’armi in non usato aringo, Né guerra io prendo contra chi mi sfida; Ma, perché tua… Continue Reading “Sara Copio Sulla. La Voce del ghetto di Venezia seicentesca. I sonetti. VI”

Sara Copio Sulla. La Voce del ghetto di Venezia seicentesca. I sonetti. V.

Signor, che dal mio petto arderti avanti Mai sempre scorgi in olocausto il core E sai ch’altro desìo che frale onore M’instiga a porger preghi, a versar pianti, Deh! Volgi in me il tuo sguardo e mira quanti Strali m’avventa il perfido livore; Sgombra… Continue Reading “Sara Copio Sulla. La Voce del ghetto di Venezia seicentesca. I sonetti. V.”

Sara Copio Sulla. La Voce del ghetto di Venezia seicentesca. I sonetti. IV.

L’imago è questa di colei ch’al core Porta l’imago tua sola scolpita, Che con la mano al seno al mondo addita: Qui porto l’Idol mio, ciascun l’ardore. Sostien con la sinistra arme d’amor Che fur tuoi carmi, il loco ov’è ferita La destra accenna,… Continue Reading “Sara Copio Sulla. La Voce del ghetto di Venezia seicentesca. I sonetti. IV.”

Sara Copio Sulla. La Voce del ghetto di Venezia seicentesca. I Sonetti. II – III

II. Signor, pianto non merta il gran Lanfranco Che s’ei, mentre già fu nell’uman velo Illustrò d’opre il mondo, or gode in Cielo Giunto al porto di gloria invitto e franco. Se per calle d’onor già non mai stanco Mostrossi in terra, ardor spregiando… Continue Reading “Sara Copio Sulla. La Voce del ghetto di Venezia seicentesca. I Sonetti. II – III”

Sara Copio Sulla. La Voce del ghetto della Venezia seicentesca. I Sonetti. I

La bella Ebrea che con devoti accenti Grazia impetrò da più sublimi cori, Si che fra stelle in ciel ne i sacri ardori Felice gode le superne menti, Al suon che l’alme da i maggior tormenti Sottragge, Ansaldo, onde te stesso onori, Spiegar sentendo… Continue Reading “Sara Copio Sulla. La Voce del ghetto della Venezia seicentesca. I Sonetti. I”